HOME AZIENDA WEB CONTATTACI LAVORA CON NOI COSA DICONO DI NOI

 

Macomer

 Shopping

 

I COMUNI

MARGHINE/PLANARGIA

 

- MACOMER

 

- BIRORI

 

- BOLOTANA

 

- BORORE

 

- BORTIGALI

 

- DUALCHI

 

- LEI

 

- NORAGUGUME

 

- SILANUS

 

- BOSA

 

- FLUSSIO

 

- MAGOMADAS

 

- MONTRESTA

 

- MODOLO

 

- SINDIA

 

- SUNI

 

- TINNURA

 

- TRESNURAGHES

 

 

 

La regione del Marghine è costituita dal rilievo trachitico che si estende da Macomer a Bolotana e comprende il Monte S. Padre (m. 1026), Monte Lameddari (m. 1116) e Punta Palai (m. 1200).

E’ delimitata a nordovest dall’altopiano basaltico di Campeda di cui comprende il bordo sudest; dal Goceano a nordest e dal Montiferru e dalla Media Valle del Tirso a sud; dal Meilogu a nord.

Il Margine doveva essere abbastanza popolato sin dall’età preistorica se si tiene conto del fatto che la densità dei nuraghi raggiunge il 0,90 per Kmq.

L’economia della regione si fonda sulla pastorizia per l’abbondanza di pascoli, con prevalenza di ovini e bovini, ma viene praticata anche l’agricoltura con produzione di grano, uva, ecc.

Il capoluogo della regione è Macomer, l’antica Macopsissa. Importane nodo stradale sin dai tempi antichi (i Fenici fondarono la città), oggi è un grosso centro agricolo, commerciale, industriale e artigianale. Il suo territorio è molto ricco dal punto di vista archeologico.

Altri importanti centri del Marghine sono: Bortigali, Silanus e Bolotana.

Come il nome stesso lascia intendere, la Planargia è una regione pianeggiante (altitudine uniforme m. 200), che si estende a nord del Montiferru ed è attraversata dal fiume Temo. Gli altri limiti sono: a ovest il mare, a est il Marghine e a nord il Logudoro occidentale.

E’ costituita di terreni trachitici, basaltici e marnosi; questi ultimi sono i più fertili e quindi i più popolati.

L’economia è intensamente agricola, ma è anche sviluppata la pastorizia; la viticultura trova ambienti molto adatti e l’industria enologica produce malvasie molto ricercate.

Bosa, centro principale, è il capoluogo della Planrgia, la sua fondazione risale al secolo XII e si deve ai Malaspina, che eressero un castello detto di Serravalle perché chiudeva l’accesso alla valle dalla parte del mare.

E’ un centro agricolo importante, vi si produce un’ottima malvasia e il filet, un prodotto dell’artigianato locale. Il piccolo porto e la spiaggia di Bosa Marina, le conferisco importanza anche dal punto di vista turistico.

Altri centri importanti della Planargia sono: Magomadas, Tresnuraghes, Sagama, Suni e Sindia.